Piazza Re di Roma, il Retake dura solo 12 ore: le immagini della vergogna Il lavoro dei volontari reso vano in poche ore. Cittadini furiosi.

<span class="entry-title-primary">Piazza Re di Roma, il Retake dura solo 12 ore: le immagini della vergogna</span> <span class="entry-subtitle">Il lavoro dei volontari reso vano in poche ore. Cittadini furiosi.</span>

Autore: La Redazione

Le news di Roma
Condividi

Sabato mattina, armati di spugnette e raschietti, il gruppo di volontari di Retake Roma, accompagnati dai “poeti del Trullo”, si sono dati appuntamento in Piazza Re di Roma, obiettivo “PULIRE”. Ed ecco che dopo alcune ore di duro lavoro l’area sembra tornare a vivere. Via le scritte dai muri, giardini presentabili e giochi per bambini riqualificati. Un’unione di intenti all’insegna del decoro e della civiltà. Ma per quanto? Per mortificare i risultati ottenuti sono state sufficienti 12 ore. Sono riapparse le scritte oscene, quali “Liboni spara”, inneggiando al noto killer dei poliziotti, la cui fine avvenne proprio a Roma, in zona Circo Massimo, e i giochi per le attività ludiche dei bambini sono state ricoperte da scarabocchi.

retake

 

 

retake1

La rabbia dei cittadini.

“Sono come dei cani, devono lasciare la loro traccia di urina sulle cose, sennò chi si accorge della loro insulsa esistenza” ha commentato un un utente sulla pagina facebook del gruppo RetakeRoma Appio Tuscolano. E su questa falsa riga altri centinaia di sfoghi.

A infondere un briciolo di speranza ci pensano gli uomini di Retake, con un chiaro messaggio: “Torneremo a pulire”.

Like & Share!

Commenti

comments

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial