Mafia Capitale, Salvatore Buzzi chiede di patteggiare Dopo il provvedimento di sequestro nei confronti di Buzzi, il Ras delle cooperative ha chiesto di patteggiare a 3 anni e 6 mesi.

<span class="entry-title-primary">Mafia Capitale, Salvatore Buzzi chiede di patteggiare</span> <span class="entry-subtitle">Dopo il provvedimento di sequestro nei confronti di Buzzi, il Ras delle cooperative ha chiesto di patteggiare a 3 anni e 6 mesi.</span>

Autore: La Redazione

Le news di Roma
Condividi

Salvatore Buzzi ha chiesto di patteggiare a tre anni e sei mesi di reclusione e 900 euro di multa. La Procura di Roma darà parere negativo alla richiesta. Buzzi, accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso, corruzione ed altro, ha avanzato la richiesta con un’istanza depositata al gip Flavia Costantini a fronte della richiesta di giudizio immediato formulata recentemente dalla Procura per 34 indagati raggiunti da ordinanza di custodia cautelare in occasione della prima ‘retata’ dello scorso dicembre. Il processo è fissato per il prossimo novembre.

IL BOTTINO DI BUZZI

La Guardia di Finanza ha sequestrato una serie di beni ritenuti riconducibili a Salvatore Buzzi, il ‘ras’ delle cooperative protagonista nell’inchiesta su Mafia Capitale, del valore di circa 16 milioni di euro.

L’operazione è stata condotta dagli uomini del Gico del Nucleo di polizia tributaria, secondo un provvedimento emesso dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione. Il “bottino” riguarda le quote societarie, il capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale, comprese le disponibilità finanziarie, della Sarim Immobiliare S.r.l.: una società operante nel settore della “locazione immobiliare di beni propri”, legalmente rappresentata e partecipata (per il 6%) da Emanuela Bugitti – già colpita da due ordinanze di custodia cautelare – nonché dallo stesso Buzzi (6%) e da Carlo Maria Guarany (1%) – e risulta controllata dalla coop “29 Giugno”, per il 48%, e “Formula Sociale a r.l. Onlus”, per il 4%, entrambe già sequestrate dicembre scorso.

Di proprietà della Sarim Immobiliare anche un palazzo di 2.750 metri quadrati in zona Castelverde, utilizzato come casa di accoglienza per donne, minori e rifugiati.

Con l’operazione di oggi, il totale dei beni sequestrati nell’ambito dell’inchiesta Mondo di Mezzo supera i 360 milioni di euro.

Like & Share!

Commenti

comments

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial