Allerta freddo: trovato clochard senza vita Con l'arrivo del grande freddo scatta l'allarme per i clochard della Capitale. Ma dopo Mafia Capitale, non c'è più assistenza.

<span class="entry-title-primary">Allerta freddo: trovato clochard senza vita</span> <span class="entry-subtitle">Con l'arrivo del grande freddo scatta l'allarme per i clochard della Capitale. Ma dopo Mafia Capitale, non c'è più assistenza.</span>

Autore: La Redazione

Le news di Roma
Condividi

Con l’arrivo del grande gelo era scattato nei giorni scorsi l’allarme per i tanti senzatetto della Capitale. Il sindaco Ignazio Marino aveva tentato di tranquillizzare la città elencando alcune iniziative: “’Nella serata di sabato, fino a notte, l’assessore alle Politiche sociali Francesca Danese ha lavorato affinché, con l’aiuto dell’assessore con delega alla Protezione Civile Maurizio Pucci e dell’assessore ai Trasporti Guido Improta, fosse possibile tenere aperte alcune stazioni della metropolitana – ha spiegato Marino – per offrire assistenza alle persone senza fissa dimora. Io stesso sabato notte mi sono recato in alcuni dei punti di distribuzione di pasti caldi e coperte, per rendermi conto personalmente della situazione e ringraziare i volontari che stanno dando sostegno a chi si trova in difficoltà in queste giornate di freddo particolare. Ritengo che questo sia il dovere di un’amministrazione, come la nostra, attenta soprattutto ai più deboli. Continuerò dunque a lavorare, insieme agli assessori, perché nessuno nella nostra città resti indietro”.

Al di là dei buoni propositi, oggi Roma fa i conti con una realtà diversa. Il cadavere di un uomo è stato trovato su un marciapiede in via Machiavelli, nel quartiere Esquilino a Roma. Dalle prime ricostruzioni la vittima sarebbe un clochard, colto presumibilmente da un malore legato al freddo.

Eppure non è la prima volta che la Capitale affronta un’ondata di grande freddo, anzi, c’è stato sicuramente anche di peggio. Allora perché tanto allarme? La motivazione è legata all’inchiesta di Mafia Capitale. La burrascosa inchiesta, infatti, ha ridimensionato ai mimimi termini l’assistenza ai bisognosi: su 7.800 i senza fissa dimora in città, 3.060 sono quelli che attualmente trovano riparo dal freddo presso strutture varie come parrocchie, associazioni di volontariato, religiosi, centri convenzionati con Roma Capitale. Rimangono fuori dalla rete dell’assistenza 4.740 persone, fino ad oggi sotto la tutela delle varie coop riconducibili a Salvatore Buzzi, e dunque ora non più operative.

Non rimane che affidarsi alla sorte e alla solidarietà dei romani. Quindi, per chi volesse segnalare persone che dormono per strada può contattare il numero verde della sala operativa sociale di Roma Capitale 800440022.

Like & Share!

Commenti

comments

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial